sabato 21 luglio 2012

MEETING DA FAVOLA A MONTECARLO: MERRITT12"93 E SUPER MEZZOFONDO

Il meeting Herculis di Montecarlo ha regalato risultati da favola nei 110 ostacoli con il 12"93 di Aries Merritt e nel mezzofondo dove si sono rivelati gli junior Conseslus Kipruto che ha battuto Paul Kipsiele Koech nei 3000 siepi e Abraham Rotich, autore di un 1’43"13 davvero eccellente. Asbel Kiprop ha corso in modo regale un 1500 da sogno chiuso con la migliore prestazione mondiale dell’anno (3’28"88). In tutto la serata monegasca ha regalato quattro migliori prestazioni mondiali dell’anno (Aries Merritt 12"93 nei 110 ostacoli, Silke Spiegelburg 4.82 neill’asta, 3’28"88 di Asbel Kiprop nei 1500 e il 37"61 della 4x100 degli stati Uniti.). La serata è stata nobilitata dalla presenza del Principe Alberto che ha effettuato le premiazioni di una serata memorabile nel bellissimo Stade Louis II davanti ad un’ottima cornice di pubblico.
diDiego Sampaolo

  

110 ostacoli maschili: MERRITT ANCORA 12"93: Per la terza volta in questa stagione il campione mondiale indoor e vincitore dei Trials Aries Merritt corre in 12"93, record del meeting e personale eguagliato. Davvero straordinaria la continuità di rendimento di Merritt che aveva giù fatto segnare questo tempo ai trials statunitensi e al meeting di Londra. Il campione delmondo Jason Richardson è ancora secondo con 13"07 davanti per due centesimi di secondo sul russo Sergey Shubenkov che con 13"09 ha eguagliato il suo record russo già realizzato nella semifinale degli Europei.

"Certamente avrei potuto battere il mio record perché le condizioni erano perfette.Erano le migliori condizioni climatiche nelle qualiho corso quest’anno.Dopo il terzo ostacolo ho fatto un errore perdendo il ritmo. Sapere che sono in grado dicorrere in 12"93 nonostante qualche errore mi eccita. Non penso al record del mondo. Conta soprattutto essere costanti nel rendimento. Mi aspetto una competizione straordinaria a Londra. Sarà una lotta fino all’ultimo ostacolo con Liu Xiang", ha detto Merritt.

1500 metri maschili: MIGLIORE PRESTAZIONE MONDIALE DELL’ANNO DI KIPROP: Montecarlo si è confermato ancora una volta il meeting migliore per profondità di risultati sui 1500 metri. Come già in passate edizioni dell’Herculis anche quest’anno si è scesi abbondantemente sotto i 3’30". Il campione olimpico e mondiale Asbel Kiprop ha polverizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno con un fantastico 3’28"88, record personale emigliore prestazione mondiale dell’anno. Nixon Chepseba, qualificato come Kiprop per le Olimpiadi, è sceso per la seconda volta in carriera sotto i 3’30" con 3’29"77 firmando il nuovo personale. Stupisce anche il neozelandese Nick Willis che porta il record dell’Oceania in 3’30"35. Ben otto corrono in meno di 3’32"05. Ottimi sono stati anche i marocchini Amine Laalou (3’30"54) e Taoufik Makloufi (3’30"80 primato personale), il keniano Bethwell Birgen (3’31"00 nuovo record personale), Benson Seurei (3’31"61) e Collins Cheboi (3’32"08) che completano una gara da favola. AsbelKiprop ora è saldamente in testa nella Diamond Race con 14punti

"Sono contento perché ho realizzato il migliore tempo dell’anno. Sono pronto per Londra. Torno a casa carico e pieno di entusiasmo", ha detto Kiprop.

3000 siepi maschili: Grande sorpresa nella gara che ha concluso in bellezza un’altra magnifica edizione dell’Herculis di Montecarlo. Il diciassettenne Conseslus Kipruto, laureatosi campione del mondo juniores a Barcellona in 8’06"10, ha migliorato ancora il suo record personale correndo in 8’03"49 con un recupero strepitoso nel finale nel quale ha superato sul rettilineo conclusivo il leader stagionale Paul Kipsiele Koech che inseguiva un grande tempo per riscattare la delusione per la mancata qualificazione olimpica ma si è dovuto accontentare del secondo posto in 8’03"90. Sorpresa al terzo posto dove lo statunitense Evan Jager realizza il record del continente americano con 8’06"91.

800 metri maschili; ROTICH SIMIGLIORAANCORA:1’43"13:
La magica notte del mezzofondo continua con un 800 da favola dove in dieci sono scesi sotto il muro dell’1’45". Lo junior Abraham Rotich si è migliorato ancora abbassando di due centesimi di secondo il suo record personale con 1’43"13, record keniano juniores e terza migliore prestazione dell’anno. Leonard Kirwa Kosencha, campione del mondo allievi nel 2011° Lilla, è sceso sotto l’1’44" per la prima volta nella sua carriera con 1’43"40 superando il sorprendente statunitense Duane Solomon per quattro centesimi di secondo. Incredibile anche il giovane spagnolo Kevin Lopez che è sceso per la prima volta sotto l’1’44" con 1’43"74 davanti al campione statunitense Nick Symmonds (1’43"78). Abubker Kaki non è andato al di là del nono posto con 1’44"89. Primato personale per il danese Andreas Bube che scende a 1’44"89.

100 metri femminili: OKAGBARE ANCORA SOTTO GLI 11 SECONDI: La nigeriana Blessing Okagbare si candida seriamente per il podio olimpico vincendo la sua seconda prova di Diamond League dopo Londra in 10"96. Scende sotto gli 11 secondi anche la statunitense Tianna Madison con 10"99.

Salto con l’asta femminile: RECORD TEDESCO DI SILKE SPIEGELBURG: Yelena Isinbayeva è uscita di scena con tre nulli alla misura d’entrata di 4.70 deludendo il numeroso pubblico accorso al Louis II di Montecarlo. Alla seconda gara stagionale all’aperto dopo il 4.75 di Sotteville les Rouen avrebbe forse dovuto scegliere una misura più abbordabile per entrare in gara. La tedesca Silke Spiegelburg compie la gara più bella sua vita superando con 4.82 la migliore prestazione mondiale dell’anno e il record tedesco che apparteneva dai mondiali di Daegu dello scorso anno a Martina Strutz con 4.80-

Salto in alto maschile: WILLIAMS 2.33: Il campione del mondo Jesse Williams si portaa quota 12 nella Diamond Race grazie al successo di Montecarlo con 2.33 per un numero minore di errori rispetto al britannico Robbie Grabarz. Altri tre uomini superano quota 2.30: il canadeseDerek Drouin, lo statunitense Erik Kynard e il russo Aleksey Dmitrik.

Salto in lungo maschile: RISORGE SALADINO: Il panamense Irving Saladino torna ad esprimersi a buoni livelli dopo un periodo difficile vincendo con 8.16 in tempo per le Olimpiadi di Londra dove difenderà l’oro di Pechino

400 metri maschili: JONATHAN BORLEE SUPERA KIRANI JAMES: Uno dei due fenomenali gemelli Jonathan Borlée ha conquistato uno straordinario successo in 44"74 davanti a tutti i migliori in una sorta di anticipazione delle Olimpiadi. Il figlio d’arte belga ha avuto la meglio sul campione del mondo Kirani James per appena due centesimi di secondo. Scende sotto i 45 secondi anche Kevin Borlée che termina al terzo posto in 44"94 davanti al fresco campione del mondo juniores Luguelin Santos (45"10). Lashawn Merritt si è fermato per un crampo accusato in gara.

"Il mio allenatore mi ha detto di partire forte. E’ esattamente quello che ho fatto oggi. Mi sento pronto per le Olimpiadi. Ho bisogno soltanto di un po’ di riposo" detto Jonathan Borlée.

200 metri maschili: ASHMEADE 20"02: Nella gara originariamente programmata come l’ultima uscita di Usain Bolt prima delle Olimpiadi,Il connazionale Nickel Ashmeade non ha fatto rimpiangere l’assenza dell’illustre connazionale vincendo in 20"02. L’olandese Churandy Martina, campione europeo a Helsinki, mantiene la leadership nella Diamond Race con 10 punti grazie al secondo posto di Montecarlo con 20"07.

3000 metri femminili: La serie di risultati da favola non si esaurisce con le gare maschili. Ancheil mezzofondo femminile è di ottimo livello. Nei 3000 metri le prime tre polverizzano il proprio personale. Vince l’ex campionessa del mondo juniores dei 3000 Mercy Cherono con 8’38"51 davanti alla medaglia d’argento mondiale Sylvia Kibet (8’39"14), alla fresca campionessa mondiale juniores dei 5000 Byze Diriba dell’Etiopia (8’39"65) e alla statunitense Shannon Rowbury (8’39"81)

800 metri femminili: VINCE KOFANOVA: La russa Yelena Kofanova emerge nel finale dopo che la statunitense Alisya Montano era passata in testa ai 600 metri. L’ex campionessa europea under 23 Kofanova ha realizzato un ottimo 1’58"41 ma stupisce la burundiana Francine Nyonsaba che porta il record nazionale a 1’58"68. La campionessa statunitense Montano, vincitrice a Monaco nel 2010 con 1’57"34, ha chiuso al terzo posto in1’59"05.

Staffetta 4x100 maschile: MIGLIORE PRESTAZIONE MONDIALE DELL?ANNO PER GLI USA: Grande performance cronometrica degli stati Uniti (formazione USA RED) con Trell Kimmons, Justin Gatlin, Tyson Gat e Justin Gatlin (probabilmente la squadra che disputerà le Olimpiadi) che ha fermato il cronometro in un eccellente 37"61, migliore prestazione mondiale dell’anno. La cosa che impressiona è che gli Stati Uniti hanno schierato una squadra B con Mike Rodgers, Maurice Mitchell, Darvis Patton e Jeff Demps che ha fato segnare 37"83 ! L’Italia con Simone Collio, Jacques riparelli,Davide Manenti e Fabio Cerutti si è difesa dalpunto divista cronometrico dopo la delusione degli Europei di Helsinki chiudendo in 38"76al quinto posto dietro al Canada (38"69) e alla Francia (38"73).

"Non è stata una gara perfetta ma è stato sufficiente per vincere. Sono orgoglioso di far parte di questa squadra che ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno. Speriamo di pter correre ancora più forte.. Ci divertiamo insieme. Non abbiamo effettuato buoni cambi ma c’era troppo rumore nello stadio.Il terzo cambio mi sembra il migliore", ha detto Gay.

Staffetta 4x100 femminile: La formazione USA Red con Tianna Madison, Allyson Felix, Janeba Tarmoh e Carmelita Jeter che dovrebbe essere la formazione titolare alle prossime Olimpiadi di Londra perde il testimone e questo non è un bel segnale in vista degli imminenti Giochi. La formazione cosiddetta Usa Blue (in pratica una squadra B) composta da Lawryn Williams, Alex Andreson , Emily Gardner e Kimberley Duncan (campionessa NCAA sui 200) ne ha approfittato per vincere in un ottimo 42"24 davanti alla Francia (43"51).

400 ostacoli femminili: HEJNOVA DAVANTI A HEJNOVA E WALKER:TZuzana Hejnova batte due delle grandi favorite per il podio olimpico Lashinda Demus e Melaine Walker e vince sulla pista dello Stade Louis II con il suo primato stagionale di 54"12. La Demus,che su questa pista corse in 52"63 nel 2009, ha chiuso al secondo posto in 54"26 davanti alla Walker (54"44 primato stagionale).

Salto triplo femminile: IBARGUEN 14.85: Ottima serie della colombiana Catherine Ibarguen che vince con 14.85 infilando una sequenza di salti nella quale il peggiore tentativo è stato di 14.72 (14.72-14-85-nullo-14-74-14.79-14.80). La giamaicana KimberlyWilliams ha conquistao il secondo posto con un balzo da 14.50 precedendo la kazaka Olga Rypakova (14.46).

Lancio del disco femminile: PERKOVIC CONSOLIDA LA LEADERSHIP NELLA DIAMOND RACE: La campionessa europea croata Sandra Perkovic ha consolidato il primo posto nella Diamond Race vincendo anche la prova di Montecarlo con la migliore misura di 65.29 m al primo tentativo, che risulta sufficiente per battere la vice campionessa mondiale e europea Nadine Muller (64.64).

Lancio del giavellotto maschile: Secondo successo consecutivo nella Diamond League per l’ucraino Oleksander Pyanytsya con 82.85.

Nessun commento:

Posta un commento